Chiesa di San Maria Maggiore

La Chiesa di Santa Maria Maggiore, anche nota come Chiesa di Santa Maria Maggiore e San Filippo Neri, è un edificio religioso di grande importanza situato nel centro storico di Esperia, una volta chiamato Roccaguglielma. La chiesa è sorta intorno al 1200.

Descrizione

La Chiesa di Santa Maria Maggiore e San Filippo Neri a Esperia è un edificio religioso che risale al XIII secolo. Nel corso dei secoli, l'edificio ha subito diverse modifiche che hanno alterato la sua forma originale. Inizialmente, la chiesa aveva una pianta a croce greca, ma attualmente presenta una pianta a croce latina.

I lavori di ristrutturazione iniziarono nel XV secolo ad opera di A. Spinelli, come indica una lapide posta in Piazza Guglielmo. Questi lavori furono completati nel 1452 e la chiesa fu dedicata alla Madonna.

Durante il pontificato di Giulio II (1503-1513), la chiesa fu elevata al titolo di concattedrale, un titolo confermato successivamente da papa Leone X (1513-1521).

Nel corso dei lavori di ristrutturazione, fu demolito anche il mausoleo lussuoso costruito da Fabrizio Spinelli in memoria di sua madre, Sveva Spinelli.

Nel 1654, un violento terremoto causò gravi danni al paese e alla chiesa, che richiesero ulteriori lavori di restauro. Successivamente, fu ottenuta l'autorizzazione per aggiungere il titolo di San Filippo Neri al nome della chiesa. Questo titolo fu scelto perché si raccontava che San Filippo Neri visitasse spesso Esperia durante i suoi pellegrinaggi da Montecassino a Gaeta.

Tra il 1732 e il 1750, furono effettuati importanti lavori di ampliamento e restauro, che conferirono alla chiesa uno stile barocco. Durante questo periodo, l'abside, il presbiterio, il coro, la sagrestia e la navata furono ricostruiti o estesi.

Durante la Seconda Guerra Mondiale, la chiesa subì danni significativi e per un certo periodo il culto fu celebrato nella cappella Lauretana. Successivamente, furono avviati i lavori di restauro che hanno conferito all'edificio un aspetto più moderno.

La chiesa ospita diverse cappelle e altari. L'altare maggiore è dominato da una grande pala d'altare raffigurante la Pentecoste, dipinta da Taddeo Zuccari nel 1599. Sotto l'altare maggiore si conservano i resti di San Clino abate, ad eccezione del teschio che è custodito a Cluny, in Francia.

Nella chiesa sono presenti anche diverse opere d'arte, come un bassorilievo in marmo raffigurante la Vergine col Bambino, realizzato dal maestro Nicola Da Pastena nel 1521. Tuttavia, alcune opere, come i busti di San Filippo Neri e San Carlo Borromeo, sono state rubate diversi anni fa.

Nel corso degli anni, la chiesa è stata sottoposta a ulteriori lavori di miglioramento e conservazione da parte dei Padri Trinitari, che attualmente gestiscono l'edificio.

Modalità di Accesso

La Chiesa di Santa Maria Maggiore a Esperia offre servizi per favorire l'accesso delle persone con disabilità. Sono presenti ingressi senza barriere architettoniche, parcheggi riservati per disabili, segnaletica accessibile, servizi igienici accessibili e personale disponibile per assistenza. È consigliabile contattare direttamente la chiesa per ulteriori dettagli e per specifiche necessità.

Contatti

Municipio
Telefono

0776937612

Fax

0776937544

PEC

comune.esperia@anutelpec.it

Luogo

Via Guglielmo Marconi, 4,, 03045, Esperia (FR)

Quanto sono chiare le informazioni su questa pagina?

Grazie, il tuo parere ci aiuterà a migliorare il servizio!

Quali sono stati gli aspetti che hai preferito? 1/2

Dove hai incontrato le maggiori difficoltà?1/2

Vuoi aggiungere altri dettagli? 2/2

Inserire massimo 200 caratteri